Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

AGIPRESS – Avrà luogo il 16 luglio dalle 9.30 alle 12.30, a Friuli Innovazione, il primo evento pubblico del progetto BIO-ALL, volto a sviluppare approcci nuovi che forniscono competenze imprenditoriali a chi proviene dal mondo accademico e ai professionisti delle imprese. Questo primo convegno si pone l’obiettivo di identificare ed esplorare gli strumenti più efficaci per favorire la nascita e lo sviluppo di start-up bio-tech e biomedicali, attraverso i contributi di esperti del settore che si confronteranno in una tavola rotonda aperta al pubblico. “Questo progetto – afferma in una nota Fabio Feruglio, Direttore di Friuli Innovazione – si rivolge specificatamente al bio-health (biotecnologie, scienze della vita, medicina, ICT, industria farmaceutica, chimica ecc.), un settore altamente innovativo ed in crescita nell’economia mondiale, con l’obiettivo di creare un ecosistema in cui – finalmente – il mondo della ricerca e quello dell’impresa trovino connessioni e sviluppino insieme innovazione e nuova impresa”.
Tra i risultati attesi dal progetto sono previsti un programma didattico internazionale post laurea, un programma di accelerazione di impresa verticale per il settore bio-health e una piattaforma collaborativa europea per coloro che vi operano. “Anche con questa iniziativa Friuli Innovazione si rivolge ai talenti della nostra Regione – continua Feruglio – per farli collaborare insieme e proiettarli da subito nella dimensione europea. BIO-ALL coinvolge infatti 13 partner europei, tutti con il medesimo intento e visione: stimolare e supportare l’imprenditorialità innovativa e la buona ricerca.” L’intero progetto si rivolge a tutto il mondo accademico, dagli studenti in su, nonché alle imprese, agli incubatori e a tutti i soggetti che supportano le startup (come parchi scientifici e innovation center), affinché si crei non solo un terreno di incontro, ma anche un nuovo modo di collaborare tra scienza e impresa, attraverso linguaggi e obiettivi comuni.

Fonte: www.tweetimprese.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone