Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Sagge parole del presidente della Cei, cardinal Gualtiero Bassetti, sulla crisi in atto. “Non si può governare su dei contratti, ma lo si deve fare sui progetti e aspetto che qualcuno sia in grado di poterne fare concordati e attuabili per il bene comune”: lo ha detto il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei e arcivescovo di Perugia, rispondendo a una domanda sulla crisi di Governo. L’ha fatto a margine dell’inaugurazione dell’oratorio dedicato a Giampiero Morettini a San Martino in Campo, nel capoluogo umbro. “Ogni crisi preoccupa – ha aggiunto -, speriamo che sia di crescita”.
“Ho una visione più laica della politica che per noi è fatta di contenuti evangelici” ha sottolineato ancora il card.
Bassetti. Sull’ipotesi di tornare al voto subito o andare verso la formazione di un nuovo governo il presidente della Conferenza episcopale italiana non si è voluto pronunciare. Limitandosi a dire che “occorre vedere come si mettono le cose” riferendosi alle consultazioni aperte dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “La religiosità – ha aggiunto l’arcivescovo di Perugia – si esprime in chiesa è nei luoghi della fede”. Bassetti ha quindi sottolineato che “bisogna distinguere la religiosità dalla fede”. “La fede – ha detto – è una cosa molto seria, è un’adesione a Cristo, ai valori del Vangelo. La religiosità è la copertura della fede. Quindi io – ha concluso il presidente della Cei – non ho mai giudicato nessuno perché non ho il metro per misurare la fede di nessuno”.

Fonte: www.tweetimprese.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone