Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

La Germania da sempre ha partecipato alla redistribuzione ad hoc dei migranti, ciò nonostante non abbiamo ancora trovato una procedura adeguata»: lo ha dichiarato il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert in conferenza stampa a Berlino, nel rispondere ad una domanda in vista del prossimo incontro dei ministri dell’Interno a Malta. «L’Europa ha bisogno di un accordo affidabile sul modo in cui gli sbarchi devono e possono essere gestiti nello spirito della solidarietà europea e lo chiediamo da molto tempo. In vista dei colloqui della prossima settimana, la Germania e la Francia stanno facendo pressione per un accordo temporaneo. La distribuzione caso per caso o arrivo per arrivo è la condizione insoddisfacente in cui ci troviamo al momento», ha continuato il portavoce del governo tedesco in conferenza stampa a Berlino.

«Pensiamo che i centri di detenzione in Libia debbano essere chiusi e lavoriamo in modo attivo per questo»: così una portavoce della Commissione europea ribadisce la posizione dell’Unione. Quanto all’operazione Sophia, la portavoce ricorda «che il mandato della missione nell’addestrare la guardia costiera libica è quello di salvare vite in mare e lottare contro i trafficanti, con una forte componente sul rispetto dei diritti umani». Fino ad oggi sono stati addestrati 417 guardacoste libici, che sono sottoposti anche ad un attento sistema di monitoraggio.

Fonte: www.tweetimprese.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone