Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Task force interforze ha fatto un blitz in una tintoria di pelli: sequestrato l’immobile e i rifiuti stoccati, denunciano il titolare per gestione illecita di rifiuti pericolosi. L’operazione è stata condotta dai carabinieri forestale di Empoli, daitecnici Arpat del Dipartimento di Empoli, dalla polizia municipale delCircondario Empolese Valdelsa e dal personale dell’Ufficio tecnico delComune di Empoli. Dal sopralluogo nella ditta è emerso che tutti i locali versavano in pessime condizioni igieniche e ambientali, ostruiti da sporcizia, materie prime e rifiuti stoccati alla rinfusa oltre a macchinari e attrezzatura per la lavorazione di pelli in gran parte in disuso.

I militari hanno riscontrato che i rifiuti risultavano sparsi in tutti gli ambienti in maniera caotica e incontrollata con miscelazione di scarti di diverso genere. Il mancato controllo delle acque reflue, il mancato funzionamento dell’impianto di areazione e diemissioni la permeabilità della copertura degli ambienti dalle acque piovane determinava “un rischio concreto di compromissione delle matrici ambientali”. E’ intervenuto il personale della Asl Toscana Centro che ha rilevato gravi problemi di sicurezza attinenti al rischio incendio nonchè problemi di sicurezza inerenti l’impianto elettrico; inoltre i macchinari in uso non risultavano dotati delle sicurezze previste dalla norma. In relazione alla gestione illecita dei rifiuti pericolosi e non, ed ai gravi problemi riscontrati sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, i militari hanno proceduto al sequestro penale preventivo d’iniziativa dei manufatti adibiti ad attività/laboratorio di tintoriapelli nonché dei relativi materiali e rifiuti in essi contenuti. Per quanto concerne la regolarità edilizia del manufatto sono in atto accertamenti da parte dei tecnici del Comune e della Polizia Municipal

Fonte: www.tweetimprese.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone